Cratere della Sella, bocca inquieta dell’Etna


Tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 l’Etna ha ricominciato a dare spettacolo in quel modo unico e affascinante che solitamente lo caratterizza. Ovvero, a sorpresa. Con fenomeni ed emissioni che lasciano stupiti per primi i vulcanologi. La domanda è sempre la stessa: ma cosa sta preparando, il vulcano? Quello che si sa […]

Leggi di più…




Etna, lo spettacolo continua


Lo spettacolo Etna continua! L’eruzione iniziata la notte di Santa Lucia, 13 dicembre 2020, nella zona sommitale del vulcano non sembra avere ancora tregua. Lo si era intuito nei giorni precedenti, nonostante le tante variazioni che si erano succedute. Dopo un breve periodo di calma e di calo dei parametri, il 21 dicembre il vulcano […]

Leggi di più…




L’Etna illumina la notte di Santa Lucia


L’eruzione della notte di Santa Lucia è cominciata quasi a sorpresa, per chiunque l’ammirasse da lontano. Non per gli addetti ai lavori che già monitoravano l’aumento significativo del tremore vulcanico fin dal pomeriggio del 13 dicembre. Alle 23:30, grazie anche a una schiarita del cielo nuvoloso, tutta la Sicilia orientale ha potuto assistere allo spettacolo […]

Leggi di più…




Etna, il Sud Est in eruzione cambia forma


Qualcosa sta cambiando a sud est! Dalla fine del mese di novembre si è intensificata l’attività esplosiva che ormai caratterizza la cima dell’Etna da quasi un anno coinvolgendo il più giovane dei cinque crateri. O forse dovremmo dire quattro, dato che qualcosa sta davvero succedendo, lassù. Tra il 29 novembre e il 4 dicembre, infatti, […]

Leggi di più…




Rifugio Timparossa


Rifugio Timparossa, sul fianco nord dell’Etna, è una località magica che attira ogni anno decine di appassionati di trekking e di fotografia. Fa parte del circuito dei rifugi montani del vulcano siciliano ma la sua particolarità è la faggeta che lo circonda e che – specie in autunno – giustifica il nome del rifugio, colorandosi […]

Leggi di più…




Eruzione del 1971, inferno sull’Etna


Quella del 1971 non fu solo una eruzione ma un pezzo di inferno abbattutosi sull’Etna. E allo stesso tempo uno spettacolo incredibile della natura. In un’epoca in cui ancora non si parlava di misure di sicurezza, molte persone poterono ammirare la lava da  vicino, scattando foto e addirittura “pescando” alcuni brandelli di roccia fusa per […]

Leggi di più…




Magazzeni, dove la lava cambiò strada


Circa 6 km fuori dal paese di Sant’Alfio, in una zona oggi in apparenza desolata e selvaggia, sorge una chiesetta dalle tipiche fattezze di una cappella di montagna. La chiesa “dei Magazzeni”. Il nome è un po’ particolare, fa pensare a una qualche famiglia di signori locali, o a una zona adibita a “magazzini” agricoli. […]

Leggi di più…




Milo, la cappella abbracciata dalla lava


Proseguendo il nostro itinerario tra le chiese dell’Etna sepolte o sfiorate dalla lava, dopo le sorprendenti  Nunziata, Mompileri e Campanarazzu, ci dirigiamo verso la parte nord del vulcano. La strada è quella che dal fianco orientale porta verso Etna Nord, scavalcando il fianco all’altezza del Rifugio Citelli. Per imboccarla si deve arrivare a Fornazzo, piccola […]

Leggi di più…




Chiesa del Campanarazzu a Misterbianco


Campanarazzu è la terza tappa del nostro percorso tra le chiese sepolte sotto la lava dell’Etna. Stavolta andiamo a Misterbianco, a sud-ovest di Catania e sembra strano perché il vulcano appare lontano, da qui. Invece l’Etna ha lasciato la sua pesante impronta anche in questa zona, con una eruzione laterale scaturita nel 1669 dai crateri […]

Leggi di più…




Etna: quando collassò il Grande Vulcano


L’Etna è un vulcano giovane, potremmo dire “adolescente”. La sua vita è ancora breve, secondo i canoni della vulcanologia, eppure nonostante la sua storia recente conta già eventi importanti. Forse il più importante di tutti è stato il collasso del Grande Vulcano che ha generato in parte la forma attuale dell’Etna. Quella che si può […]

Leggi di più…