Etna: Tra mito e realtà

8 Nov 2017

posted by

Categories: Blog, Etna

Tags: , , , ,

Comments: 0

Il monte Etna, oltre ad essere sede di uno dei cluster mondiali leader in ambito di ricerca vulcanologica è al contempo una delle più amate aree turistiche in Sicilia: attraverso il trekking o usando veicoli speciali si può raggiungere la sommità del vulcano.

EtnaIl Monte Etna è anche noto come Mongibello, che etimologicamente deriva dal latino „mons“(monte) e dall´arabo „giabal“ (nuovamente monte).

Gli antichi romani credevano che Vulcano- il Dio del fuoco e della lavorazione dei metalli- tenesse la sua fucina sotto il Monte Etna e che questa fosse la causa delle eruzioni. La parola „vulcano“ deriva dal nome della divinità´.

L´Etna, il più famoso vulcano attivo europeo è circondato da numerose comunità di abitanti che generalmente si proteggono dai flussi di lava delle frequenti eruzioni vulcaniche ricorrendo a diversi stratagemmi tra cui depositi, esplosivo e fosse artificiali. Scopriamo insieme 5 interessanti curiosità sul Monte Etna:

 

  1. Una compagnia costante

Gli strati di lava depositati attorno alla base del vulcano risalgono, secondo le stime, al 1500 A.C. Questo fa dell´Etna il vulcano attivo da più tempo nella storia a livello mondiale. Molte delle eruzioni non sono di natura violenta ma un´eccezione alla regola è rappresentata dall´eruzione del 1669, quando la lava vulcanica distrusse più di una dozzina di villaggi siciliani.

  1. Imponente e in continuo cambiamento

Con i suoi 11.000 piedi, il monte Etna è anche il vulcano attivo più alto dell´intero continente europeo. L´altezza del vulcano è in continuo cambiamento a causa delle costanti eruzioni; per questo motivo sono necessarie misurazioni continue ogni 2/3 anni per documentarne l´effettiva altezza.

  1. Frequenza delle eruzioni

Secondo le stime dell´Istituto Mondiale di Vulcanologia, si sono verificate più di 225 eruzioni vulcaniche sul monte Etna, incluse 10 eruzioni tra il 2001 e il 2009.

Prima del 2001, l´Etna registrava un´eruzione ogni 18 mesi. Dopo il 2001 le eruzioni sono diventate ancora più frequenti. Ad eccezione del 2007, il vulcano è stato protagonista di almeno un´eruzione ogni anno.

  1. Straordinariamente sicuri

Nonostante il pericolo costante collegato all´abitare nelle vicinanze di un vulcano attivo come l´Etna, le vittime registrate a cause delle sue eruzioni vulcaniche sono straordinariamente poche. Soltanto 77 decessi sono stati attribuiti al vulcano.

  1. Potere distruttivo

Sebbene molte delle eruzioni vulcaniche dell´Etna non rappresentino una minaccia per le comunità di abitanti della zona, queste hanno comunque la capacità di causare dei seri danni. Nel 1669, la città di Catania, situata alla base del vulcano, fu´ completamente distrutta dalle colate laviche. La città venne poi interamente ricostruita solo per essere nuovamente distrutta dal terremoto del 1693.

Lascia un commento